Dottoressa Valentina Bianchi: Il Ganoderma lucidum*

Nessun commento

Curiosità sul Ganoderma lucidum

ganoderma 2

 

 

 

Il Ganoderma lucidum contiene: minerali quali ferro, zinco, rame, manganese, magnesio, potassio, calcio, germanio; vitamine del gruppo B, in particolare B1, B2, B6, B9, vitamina C, vitamina E, ergosterina precursore della vitamina D”; 17 aminoacidi tra cui tutti quelli essenziali; polisaccaridi e glicoproteine; quasi 100 enzimi; steroli precursori ormonali; sostanze ad attività antistaminica; triterpeni.

Il fungo è impiegato come medicamento in Oriente fin dai tempi antichi. Si trovano prove del suo utilizzo risalenti a oltre 4.000 anni fa. Questo poliporo è annoverato, insieme al ginseng, nel più antico erbario cinese e anche il “Shinnoh Honsohkyo”, l’erbario giapponese, lo cita tra le “erbe di categoria superiore”, che si possono assumere senza limiti. Lo definisce addirittura “Erba degli dei”.

Chiamato “fungo dell’immortalità”, il Ganoderma lucidum è conosciuto in Cina con il nome di Lingzhi e in Giappone con quello di Reishi. Viene definito in molti modi nei racconti popolari orientali, tra i quali “Erba della potenza spirituale” o “Fungo dei 10.000 anni”. Essendo la pianta dell’immortalità, il Lingzhi si usava come talismano o lo si appendeva sopra il letto per scacciare gli spiriti maligni.

Molte leggende narrano viaggi alla ricerca di quest’erba che dona la vita eterna e le storie raccontano come ogni spedizione, organizzata per il recupero del fungo, subisse un destino funesto. Secondo la tradizione, poi, il Lingzhi era sorvegliato da una tigre e da un serpente velenoso.

In Giappone il Reishi è da sempre considerato la dote più ambita che una sposa possa portare in matrimonio.

Ancora oggi questo fungo è annoverato tra le 10 sostanze terapeutiche naturali più efficaci esistenti al mondo.

Il Reishi contiene un minerale raro e prezioso, il germanio organico, che dagli anni ’70 viene studiato come terapia di sostegno nella cura del cancro. Il germanio organico stabilizza il sistema immunitario, è un antiossidante, approvvigionatore di ossigeno per le cellule e, come il selenio, aiuta a neutralizzare ed espellere i metalli pesanti e i tossici. L’elemento manifesta azione terapeutica in patologie quali: cancro, reumatismi, asma, diabete, osteoporosi, infezioni virali.

L’attività antitumorale del Ganoderma lucidum è stata comprovata da numerosi studi su animali e sull’uomo. Il Lingzhi aumenta le difese immunitarie e nel contempo possiede effetti diretti contro la cellula cancerogena.

Da tempo viene utilizzato in Oriente, non solo nella terapia preventiva, ma anche nella cura effettiva della patologia tumorale e come supporto nelle terapie antineoplastiche in quanto ne antagonizza gli effetti dannosi.

Oggi il Reishi è riconosciuto ufficialmente dal governo giapponese come medicamento nella cura del cancro allo stomaco. Viene impiegato anche nel trattamento del cancro al seno, alla prostata, all’utero, ai polmoni e riduce i rischi di metastatizzazione.

Il Reishi migliora la vita del malato tumorale: dolori e stanchezza si riducono, si riacquista appetito, il sonno diventa continuo.

* Questo articolo è stato tratto dal libro “I funghi medicinali” della dottoressa Valentina Bianchi.

Ganoderma 5

UNA RACCOMANDAZIONE: FATE MOLTA ATTENZIONE NELLO SCEGLIERE LA MIGLIORE QUALITA’ DI GANODERMA LUCIDUM; SUL MERCATO SI POSSONO TROVARE PRODOTTI MOLTO SCADENTI.
PER UN EVENTUALE CONSULTO COMPLETAMENTE GRATUITO O PER ULTERIORI INFORMAZIONI SUL GANODERMA LUCIDUM POTETE TELEFONARMI AL 320 9323852 0 SCRIVERMI SU “guglielmocarbone2.0@gmail.com”

Naturopata Guglielmo Carbone

Nota informativa: i contenuti di questo sito hanno carattere informativo e non si sostituiscono in alcun modo alla valutazione di un medico, nè ad eventuali terapie in atto. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.